:

Translate in your language - traducir en su idioma - 在你的语言翻译 - переводить на вашем языке

Cerca nel blog

- I 4 CAVALIERI DELL'APOCALISSE

I 4 CAVALIERI DELL'APOCALISSE
"Ciò che rende INFELICE una DONNA è ciò che l'UOMO NON RIESCE A DARLE....  
Ciò che rende INFELICE un UOMO è ciò che la DONNA GLI DA!"

E vissero, così, INFELICI e SEPARATI!

Dopo la fase iniziale dell'innamoramento e del fidanzamento, quando inizia la vita di coppia, ci si rende conto che l'amore non basta, anzi, l'amore basta per discutere, allontanare e, più in là, per separare.
CONTINUA A LEGGERE


Infatti, è proprio davanti al crescere dell'amore e del legame, nonché degli impegni della vita quotidiana, che aumentano certi bisogni fondamentali e può crescere la frustrazione, se questi bisogni non vengono appagati.
Poiché uomini e donne sono diversi e non esiste un libretto di istruzioni sull'utilizzo corretto e facile sbagliare e dare all'altro ciò di cui noi stessi abbiamo bisogno, ma che in genere non è lo stesso per l'altro sesso e che, oltre a non appagarlo, può allontanarlo ancora di più.
Così, con l'aumentare della frustrazione e dell'allontanamento, in linea con la fisica quantistica e la legge di attrazione, finiamo con l'osservare in maniera distorta il nostro partner e la nostra vita di coppia, con l'attrarre altri motivi di dissidio e molte coppie scoppiano.
Non è certo un caso, infatti, che ci sia una crescita esponenziale delle crisi per i matrimoni di lunga durata, quando cioè si è sopito il pathos iniziale, sono cresciuti figli, la frustrazione la fa ormai da padrone e non si riesce più a rifocalizzare l'amore per l'altro.


Rispetto al 1995, scrive l’Istat, in Italia le separazioni, sopraggiunte dal venticinquesimo anno di matrimonio in poi, sono triplicate in valore assoluto.
Secondo il Dipartimento di Demografia delle Nazioni Unite e la sua Divisione Statistica e sociale, i più alti tassi di divorzio del mondo si trovano in Europa. Il paese con il più alto rapporto di divorzi è il Belgio, con un enorme 71%. Al decimo ed ultimo posto troviamo gli Stai Uniti, con l'amara consolazione che un matrimonio su due fallisce (53%).

I provvedimenti di separazione arrivano, in media, dopo 16,1 anni di matrimonio, il divorzio dopo 18,7 anni.

I giovani sotto i 30 anni, invece, hanno smesso di sposarsi. Forse non credono più nel matrimonio?


IL PROBLEMA DI COPPIA ED INDIVIDUALE

Una lunga serie di ricerche dell'Istituto Gottman, dedicato alla ricerca e pratica per il supporto delle coppie ed alla individuazione dei pattern comportamentali che differenziano le coppie felici, da quelle infelici e che predicono la fine di un matrimonio, con una esattezza del 90%, ha dimostrato che una discriminante fondamentale, per il successo del matrimonio, è l"accepting influence", ovvero la capacità di interagire con altro e di accettarne l'influenza.
Gottman e Levenson hanno scoperto che le coppie che interagiscono hanno enorme stabilità nel tempo (80%). Di contro quelle in cui gli uomini hanno maggiori difficoltà empatiche hanno un rischio molto elevato di divorzio (81%).
I ricercatori definiscono i fattori critici i “ 4 cavalieri dell'Apocalisse”, il rifiuto di comunicare (stonewalling), il porsi sulla difensiva, il criticismo ed il disprezzo.
Essi, inoltre, hanno dimostrato che la gran parte dei problemi di coppia (69%) non viene mai risolta, ma restano problemi “perpetui” dovuti alle personalità differenti tra i partner.

L'Huffington Post America ha provato a chiedere ai più famosi avvocati divorzisti quali siano le maggiori cause di divorzio.
Le stesse cause, possono valere anche per le coppie italiane. Tutte, in qualche modo, riconducono allo stesso problema di base, uomini e donne sono diversi, diversi i bisogni ed i modi di comunicare.
1. «Non mi aiuta», lamentela tipica della donna, che è sovraccaricata di impegni poliedrici e si lamenta di non essere aiutata, ma la gran parte delle volte, non ha chiesto o non ha saputo chiedere.
2. «Non parliamo mai dei nostri problemi». La mancanza di comunicazione non permette il circolo virtuoso in cui, entrambi i partner possono esprimere i propri bisogni, confrontarsi con l'altro, capirsi e venirsi incontro.
3. «La nostra vita sessuale è insipida». Un recente sondaggio, pubblicato sul Daily Mail, ha messo il dito su una piaga dilagante: il divorzio tra le coppie mature. Alla base di questa tendenza in ascesa ci sarebbe la mancanza d’interesse per il sesso da parte di lei, lamentata dagli uomini, e la freddezza da parte di lui, lamentata dalle donne. A farne le spese sarebbe una buona parte delle coppie sposate da molto tempo e composte da ultra cinquantenni, il cui 28% delle coppie si separa perché il partner è emotivamente freddo e distante. E' paradossale che questo circolo vizioso, che conduce alla separazione, sia dovuta proprio al fatto che gli uomini siano freddi e che, di conseguenza, le donne si allontanino emotivamente e sessualmente e basterebbe solo venirsi incontro, con qualche accorgimento, per tenere viva la passione.
4. «Chatta». E' triste, ma circa il 20/30 % delle separazioni, oggi, arriva a causa dei social network, ovvero di una comunicazione in un mondo virtuale, con altri, piuttosto che col proprio partner.
5. «Ormai siamo come fratello e sorella» Cosa differenzia un partner da un amico? Il desiderio, l'essere amanti. Si torna al discorso della passione....
6. «Lui è molto egoista». Espressione tipica femminile! Sapessero invece le donne che gli uomini egoisti non lo sono affatto e sarebbero felici di appagare le loro mogli, se sapessero come fare e se fossero più gratificati nel farlo!
7. «Mi sento data/o per scontata/o». Due persone possono amarsi reciprocamente, ma 'non sentirsi amati' se hanno un diverso linguaggio amoroso.
8. «In amore parliamo due lingue diverse». Questa è la sintesi di tutto! Mondi diversi, bisogni diversi, lingue diverse...



QUAL'E' LA SOLUZIONE AL PROBLEMA DI COPPIA?

Se i partner di una coppia sapessero “render felice” l'altro, piuttosto che infelice; se entrambi i partner di sentissero appagati, le coppie scoppierebbero?
Forse no o comunque con meno probabilità. Però, come abbiamo visto dalle ricerche dell'Istituto Gottman, la gran parte dei problemi di coppia (69%), resta e sono dovuti alle differenze tra i partner.
L'empatia e l'interazione, sono un fattore predittivo discriminante e di ausilio per la felicità coniugale, ma non basta, perchè le persone sono diverse e, soprattutto vi sono enormi differenze uomo donna.

Questo vuol dire, altresì, che “capire” ed anche “volere”, non sempre implicano “potere” o “riuscire”.
Tra il dire ed il fare c'è di mezzo il mare!

I nostri retaggi fisiologici e filogeneticamente determinati ci inducono a comportarci in certi modi ed è pressoché impossibile adottare comportamenti che non ci sono naturali! Possiamo leggere tutti i libri e fare tutti i corsi che vogliamo!

Per acquisire un comportamento, una abitudine, ci vuole ADDESTRAMENTO, costante, da parte di un professionista esperto in differenze uomo donna!
Posta un commento