:

Translate in your language - traducir en su idioma - 在你的语言翻译 - переводить на вашем языке

Cerca nel blog

- UOMINI E DONNE, SONO DAVVERO DIVERSI?

- UOMINI E DONNE, SONO DAVVERO DIVERSI?
(compendio alla partecipazione del 14/02/13
alla rubrica "vita di coppia"
di Primo Tempo su classtv )


PERCHE' UOMINI E DONNE SONO DIVERSI?
Per migliaia di anni, uomini e donne hanno svolto compiti molto precisi,


per la sopravvivenza della famiglia.

Un tempo l'uomo lavorava per mantenere i suoi cari, il senso di orgoglio e realizzazione che di conseguenza provava, insieme all'amore e al sostegno che riceveva tra le mura domestiche, lo aiutavano ad alleviare le molteplici tensioni quotidiane.
La donna si dedicava alla casa e alla vita familiare, coltivava le amicizie e dava il suo contributo alla comunità.


l nostro cervello si è sviluppato in modo diverso perché gli uomini e le donne primitivi avevano ruoli molto specifici, dettati da ragioni di sopravvivenza: I primi andavano a caccia e dovevano percorrere lunghe distanze per inseguire la selvaggina. Grazie alla spiccata capacità di orientamento e di concentrazione, divennero abili cacciatori e procacciatori di cibo.
Le donne raccoglievano il cibo nei territori in cui soggiornavano e si occupavano dei figli. Formavano forti legami affettivi con le altre donne, dalle quali dipendevano quando gli uomini erano lontani. Il ruolo delle donne era poliedrico: donne e compagne, madri ed amiche, svariati i loro compiti e necessaria la capacità di fare più cose nel contempo.
L'uomo aveva la forza fisica per lottare con i suoi simili e nei momenti di pericolo doveva restare per lo più in silenzio. La donna usava invece il linguaggio, sia per condividere che, in caso di pericolo per discutere, convincere o richiamare l'aiuto delle altre donne.
Oggi in situazioni di stress l'uomo tende a tacere e si ritira nella sua tana per recuperare le energie, mentre la donna si è adattata imparando a esternare le tensioni che l'affliggono. Comunicando agli altri i suoi problemi, riesce più facilmente a ottenerne l'aiuto. Se non parlasse, nessuno saprebbe quello di cui ha bisogno.

Il corpo ed il cervello dell'uno e dell'altra si sono plasmati affinchè i loro compiti fossero piacevoli.
Così, tutte le attività destinate all'azione favorivano il testosterone nell'uomo, mentre quelle delle relazioni e dell'empatia, l'ossitocina, nella donna.
Testosterone ed ossitocina, danno benessere ed abbassano lo stress, rispettivamente nell'uomo e nella donna. Inoltre, l'ossitocina, che viene prodotta anche dall'uomo, seppur in maniera inferiore, è l'ormone delle  tenerezze e, con esse, rafforza il legame uomo-donna e la fedeltà reciproca.
Quando il livello di testosterone nell'uomo è normale, egli è pieno di entusiasmo e si dimostra più premuroso e attratto dalla partner.
Il testosterone è importante ai fini della buona salute generale e contribuisce allo sviluppo di ossa e muscoli. Con il giusto livello di testosterone, un uomo è in grado di controllare lo stress.
Idem, per la donna. Quando il livello di ossitocina è adeguato, la donna di sente appagata, serena, amabile, gioiosa, piena di energie ed è molto più disponibile.

MALESSERE PSICOLOGICO E FISIOLOGICO
L'uomo non è più il solo a provvedere al sostentamento della famiglia, ha perso certezze, sicurezza e benessere. Il suo livello di stress è aumentato.
Un uomo non è più la sola fonte di sostentamento della famiglia: se anche la donna lavora, deve contribuire per equità alla gestione domestica ed essere più presente nella vita di coppia.
L'uomo non torna più a casa per riposare e riprendersi da una dura giornata, ma per affrontare una famiglia più esigente: la moglie si aspetta che la aiuti a gestire la casa e a seguire i figli. Egli non avverte più quel senso di realizzazione insito nell'essere il capofamiglia. Non ha il tempo di riprendersi dalle tensioni lavorative e finisce per sentirsi stanco e irritabile.

Con l'aumento del costo della vita molte donne vengono chiamate a contribuire al mantenimento familiare.
Oggi, quando una donna torna a casa, sa di avere il compito di mantenere un'atmosfera accogliente e costruttiva in famiglia e di doverlo fare nonostante gli impegni di lavoro. Non c'è dunque da stupirsi che tra casa e lavoro si sentano sopraffatte.
La donna per raggiungere il successo professionale deve fare in molti casi grandi sacrifici e, quando non ha il tempo di coltivare giorno dopo giorno il suo lato femminile, si sente stanca, svuotata, colma di rancore.
Desidera un partner comprensivo, disponibile a parlare dei problemi della giornata, ad assumersi la sua parte di responsabilità e di oneri domestici, ma anche premuroso e romantico, incline a portarla fuori per farla divertire dopo aver risolto i numerosi imprevisti che si verificano nella vita familiare. In poche parole, desidera una "moglie" che condivida la routine domestica e un marito che abbia l'energia e la voglia di dedicarsi alle affettuosità dopo aver fatto tutto quello che un uomo fa di solito, come riparare le cose rotte e gestire le emergenze.
Se gli uomini coltivano antiche aspettative, le donne ne hanno di nuove, giustificabili ma utopistiche.

Quando l'uomo non si sente realizzato come tale, quando si sente frustrato, si abbassa notevolmente il suo livello di testosterone e questo, oltre a dargli malessere, non gli permette di abbassare lo stress. Inoltre, la femminilizzazione degli uomini, può stimolare una produzione eccessiva di ossitocina, che può ridurre ulteriormente il livello di testosterone.

In modo analogo,
la ragione per cui oggi le donne sono stanche non è rappresentata dalle tante cose da fare, ma dalla carenza di femminilità e di ossitocina, che le aiuti a ripristinare un adeguato senso di benessere e ad abbassare lo stress. Nelle donne, inoltre, una quantità eccessiva di testosterone, indotta dai nuovi ruoli sociali, riduce ulteriormente l'efficacia dell'ossitocina.


STRESS
Allo stress fisiologico individuale, derivante dalla carenza dei propri ormoni del benessere, derivanti a loro volta dal non appagamento dei loro bisogni istintivi come uomo e donna, si aggiunge lo stress di ingorghi, bollette da pagare, case da pulire, tensioni sul lavoro, una valanga di cose da fare, scadenze, mancanza di aiuti, bambini che piangono, incomprensioni di coppia. Tensioni meno facili da sopportare, se il nostro corpo non è in forma.
Il corpo umano reagisce producendo adrenalina e cortisolo, ormoni dello stress. Se siamo sottoposti a tensioni incessanti ma non a pericoli, tali ormoni vengono ugualmente rilasciati e nel tempo finiscono per compromettere l'apparato digerente e il sistema immunitario. Ne conseguono una diminuzione del livello di energia e un aumento della vulnerabilità alle malattie. In presenza di stress prolungati cortisolo e adrenalina determinano fluttuazioni indesiderate della glicemia, responsabili di variazioni dell'umore, lievi forme depressive, senso di inquietudine, irritabilità, ansia e malessere generale. Tutti questi fattori possono influenzare le nostre relazioni:
1. La depressione lieve, che inibisce la passione.
2. Il senso di inquietudine, che ci rende impazienti e inflessibili.
3. Malessere, ansia e panico, che riducono notevolmente la nostra capacità d'essere felici.
4. L'irritabilità, che mina l'affetto, l'apprezzamento per l'altro e la premurosità nei suoi confronti.
5. La minore energia, che ci impedisce di donarci liberamente all'altro.
6. In presenza di fluttuazioni glicemiche diventiamo indifferenti o siamo soggetti a troppi sbalzi d'umore.
7. L'uomo perde interesse per la relazione, mentre la donna si sente sopraffatta: ha troppe cose da fare e non ha il tempo o l’aiuto necessari.


CONSEGUENZE DI COPPIA
Se in una relazione l'uomo diventa simile alla donna o perde la sua virilità, viene minato il «romanticismo» di un rapporto di coppia e l'attrazione che la donna provava per lui all'inizio scompare.
Se in una relazione la donna diventa simile ad un uomo e pensa di non aver bisogno del marito, lui sente spegnersi l'amore e l'apprezzamento: vivere con lei diventa sempre più faticoso.
Se invece la donna riesce a mantenere il contatto con il suo lato femminile e a capire l'autentico bisogno che ha di un uomo, può aiutare il partner a dare il meglio di sé, ad evolversi in un nuovo ruolo di sostegno emotivo e questi, invece di stancarsi, sarà sempre più stimolato dalla relazione di coppia.

Qui puoi vedere il video della trasmissione su class tv, canale 27.

­